Raggiungere la Puglia non è mai stato così semplice: a breve l`aeroporto di Bari si doterà di linee aeree per Corfù, Preveza/Lefkada, Firenze, Liverpool, Norimberga, e Riga. 
Da Brindisi ci saranno collegamenti per Lugano, Monaco, Londra – Heathrow e Vienna, che si aggiungono alla già ricca e articolata programmazione.
Gustosa novità anche l’attesa tratta per gli Stati Uniti. Chicago, Houston, Los Angeles, New York, Washington, Boston, San Francisco e Atlanta saranno raggiungibili direttamente da Bari, con un solo scalo ad Istanbul. 
 
Aereoporto Brindisi Puglia 
Leggi tutto...
fine articolo
Raggiungere la Puglia non è mai stato così semplice: a breve l`aeroporto di Bari si doterà di linee aeree per Corfù, Preveza/Lefkada, Firenze, Liverpool, Norimberga, e Riga. 
Da Brindisi ci saranno collegamenti per Lugano, Monaco, Londra – Heathrow e Vienna, che si aggiungono alla già ricca e articolata programmazione.
Gustosa novità anche l’attesa tratta per gli Stati Uniti. Chicago, Houston, Los Angeles, New York, Washington, Boston, San Francisco e Atlanta saranno raggiungibili direttamente da Bari, con un solo scalo ad Istanbul. 
 
Aereoporto Brindisi Puglia 
Leggi tutto...
fine articolo
campioni_provinciali_under_14.jpg

 

La nostra squadra del cuore porta in alto, fiera, il nome di Perle di Puglia e si aggiudica un titolo importantissimo: quello di Campione provinciale Under 14. La squadra maschile delle giovani speranze del Casarano Volley, infatti, lo scorso 22 marzo, ha sbaragliato il Galatina con un risultato di 3 a 1, lasciando con il fiato sospeso il pubblico dei tifosi, oltre cinquecento, che hanno popolato e vivacizzato gli spalti del palazzetto vestito a festa per l`occasione. I ragazzi di Mister Cerfeda hanno scritto così una delle pagine più belle ed entusiasmanti della pallavolo casaranese, superando in rimonta la favorita Sbv Galatina, in un match abbastanza equilibrato, e conquistando il primo titolo giovanile della sua storia. Al terzo posto sul podio la Bcc Leverano.

Un riconoscimento meritato

Un premio e un riconoscimento più che meritato per la società rosso-azzurra dei "serpenti" che ha investito tantissimo, negli ultimi anni, sia in tempo che in risorse, per formare un settore giovanile competitivo, sano, vincente, anche in collaborazione con altre società del territorio, in particolare con l`ultima avviata a settembre scorso, quella con il Volley Giovanile Ugento di Renato Urso. Dall`unione di queste due scuderie escono i nomi dei dodici campioni che torneranno di nuovo protagonisti nella fase regionale del campionato: Luca Stefano (99), eletto anche miglior giocatore della manifestazione, Federico Fortunato (11), Alfredo Coluccia (21), Riccardo Borgia (24), Giacomo Lupo (14), Giuseppe Romano (7), Piero De Donno (15), Loris Lezzi (12), Alessandro Siclì (9), Gionata Giaffreda (13), Cristian Pisanello (25) ed Emanuele Muia (10).

Perle di Puglia, sponsor della squadra di volley casaranese, non può che gioire di questo importantissimo titolo e continuare a sostenere con orgoglio, entusiasmo e passione tutto il team. Ad maiora!

la_squadra_perle_di_puglia_casarano_under_14.jpg

 

fine articolo

 

gino_pisan._la_locandina_de_la_busacca.png

Gino amava il mare. Dal muraglione di San Francesco, a Gallipoli, si sporgeva a fissare in silenzio le onde, a interpretare i capricci di schiuma delle scie delle navi, oltre l`isola di Sant`Andrea. In uno di quegli infiniti attimi di confronto con l`orizzonte, probabilmente, nacquero i versi della “Gallipoli frivola e santa, gaia e austera”. Così, con lo sguardo proteso all`orizzonte, lo ricorda La Busacca, compagnia di Teatro stabile del Salento, nell`opera “Gino Pisanò. L`uomo che guardava il mare”, la cui prima va in scena sabato 18 marzo 2017 a Casarano, in occasione della seconda edizione del concorso letterario intitolato proprio a Pisanò, organizzato da Liceo Docet EU, dalla Società Dante Alighieri e da Perle di Puglia.

A conferma del forte legame dello storico Gino Pisanò con la sua città, Casarano gli ha intitolato l`Auditorium in cui si svolge la manifestazione patrocinata dalla Provincia di Lecce, dal Comune, dall`Università del Salento dove Pisanò fu docente di Storia delle Biblioteche presso la Facoltà di Beni culturali, e quello dell`Istituto di Culture Mediterranee di cui fu presidente per ben 8 anni. Il concorso è solo l`ultimo dei riconoscimenti, in ordine di tempo, che il poeta, filologo, storico e letterato ha ricevuto nella sua carriera, sia in vita, sia dopo la prematura scomparsa avvenuta nel 2013. Laureato in lettere classiche, Pisanò muove i primi passi da docente nei licei, prima di diventare titolare di cattedra presso l`Ateneo salentino e ispettore onorario ai Beni Culturali.  

 

Tra i più prestigiosi intellettuali della provincia, è stato definito “l`ultimo umanista salentino”, con oltre 300 pubblicazioni presenti nelle biblioteche di tutto il mondo. Rispettato e ammirato per la sua profonda cultura, è stato un docente e un uomo dotato di profonda umanità, come ricordano i suoi amici e i suoi tanti studenti. A lui la compagnia che fa capo a Francesco Piccolo ha deciso di dedicare l`ultimo anno di studio e lavoro intenso. “Ciò che ne è scaturito”, ha commentato l`autore e regista dell`opera, “non è il ritratto di un singolo, ma di un intero popolo, di un`intera terra, la nostra: il nostro Salento”, per “ridare parola a chi per tutta la vita ha dato voce alle nostre parole”. 

gino_pisan.jpg

Sul palco dell`Auditorium “Gino Pisanò”, subito dopo la premiazione del concorso letterario intitolato allo storico casaranese, a portare in scena l`opera teatrale “Gino Pisanò. L`uomo che guardava il mare”, ci sono Francesco Piccolo, autore del testo, Salvo Cezza, Chiara Brunetta, Stefania Bocco, Sasy Piccolo e Claudia Mancino. Vivo più che mai il ricordo del professore Gino Pisanò anche per Perle di Puglia, sponsor unico del concorso letterario, volto a stimolare i ragazzi delle scuole superiori a riflettere sul legame tra la cultura salentina, quella italiana e quella europea, rimarcando così un leitmotiv molto caro alla  produzione scientifica di Pisanò. 

Le parole del poeta che guardava il mare, dunque, si staccano per un giorno dalle pagine dei libri delle biblioteche di tutto il mondo per riprendere voce sulle assi di quel palco che tante volte Gino Pisanò aveva calcato come oratore, il luogo delle arti per eccellenza, il teatro auditorium che porta alto e fiero il suo nome.

ragazzi_premiati_prima_edizione_gino_pisan.jpg

 

fine articolo

 

zeppole san giuseppe vacanze pasqua puglia

Le zeppole di San Giuseppe

Un nido di pasta bignè ricoperto di granella di zucchero, incoronato da un ciuffo di crema pasticcera, finito con un ricciolo di crema al cacao e, dulcis in fundo, una spolverata di cannella. Si presenta così la zeppola di San Giuseppe nella variante tutta salentina, ma diffusa in tutta la Puglia con piccole variazioni a seconda della zona. Se siete in vacanza in Puglia, non perdetevi la sua bontà.


Leggi tutto...
fine articolo
Risultati 55 - 63 di 99
Condividi: