La grotta delle Veneri
L’insediamento rupestre, situato in località “Monaci”, fu abitato dall’uomo di Neanderthal, di cui si sono trovate numerose testimonianze litiche e poi fu frequentato dall’uomo di Cro-Magnon, di cui restano due scheletri. Dopo quest’ultimo la vita nel sito continuò per altre decine di migliaia di anni. Questa ricostruzione delle frequentazioni della grotta è avvenuta grazie al ritrovamento di oltre 18.000 reperti, compresi tra una fase avanzata del neolitico antico e la prima età del bronzo. Attualmente gli stessi sono conservati presso il Museo Nazionale di Taranto e l’Università di Pisa. La cavità può essere distinta in due settori: la grotta-riparo esterna, frutto dei progressivi arretramenti della volta che hanno generato un ambiente aperto, e la grotta interna suddivisibile in un tronco centrale e due cunicoli che si sviluppano verso nord e verso ovest. La grotta prende il nome da due statuine, dette Veneri, raffiguranti donne in stato di gravidanza, scolpite in osso di cavallo, risalenti ad un periodo compreso tra 12.000 anni e 14.000 anni fa.
Pour toute information relative à ce choix, nous attendons avec impatience avec toute votre demande de réservation ou tout autre type de besoin en contactant l`une des façons suivantes:
cell.: +39 392.9515724
email: servizi[@]bellavitavillas.com
skype: perledipuglia_servizi
Partager: