La festa "pił paesana" per Sant'Oronzo

E' la più "paesana" delle feste patronali della provincia di Lecce. La festa dedicata al patrono di Lecce, il Beato Oronzo, si svolge per tre giorni, tutti gli anni dal 24 al 26 agosto, e tradizionalmente segna il ritorno in città dei leccesi dopo le lunghe vacanze. Lecce mostra in questa festa devozione ma anche costumi intramontabili e diventa meta di molti abitanti dei paesi di tutta la provincia. Il Santo, in cima alla sua colonna, ricavata da uno dei rocchi delle colonne dell'antica via Appia, osserva la sua festa nell'atto benedicente della mano destra dominando la piazza che porta il suo nome.

Per tre giorni la città si ferma, immobilizata anche dagli immancabili ingorghi di auto in coda sulle strade principali esterne. Anche le vie del centro si riempiono fino all'inverosimile di persone che passeggiano tra le centinaia di bancarelle intorno alla villa comunale. I riti religiosi hanno il loro culmine nel pomeriggio del 24 con la solenne processione che percorre le strade del centro cittadino, un'immensa folla con a capo le statue di Sant'Oronzo , i beati compatroni Giusto e Fortunato e il Vescovo. Il corteo si conclude in piazza Duomo, dove, sul sagrato, l'arcivescovo tiene il tradizionale discorso ai fedeli.

 

Fonte: Salento istruzioni per l'uso.