Salento. 10 luoghi da non perdere durante le vacanze

Documento senza titolo

Progettate le vostre prossime vacanze nel Salento? Ecco per voi 10 luoghi imperdibili da visitare durante il vostro soggiorno in questo estremo lembo di terra, in questa penisola protesa nel Mediterraneo, con il punto più estremo d`Italia a sud est. 

ostuni.jpg

 

1. OSTUNI, LA CITTÀ BIANCA

Ostuni sorge su tre colli, nella Valle d’Itria, e vanta una bella costa sul mare Adriatico, su cui sventola la Bandiera Blu. La magia di Ostuni, detta la "Città Bianca", è proprio legata alla caratteristica colorazione con pittura a calce del borgo antico, una pratica tuttora rispettata dai residenti. Da visitare, nel cuore del borgo antico, la Cattedrale in stile romanico-gotico di origine quattrocentesca, su cui si apre un rosone a 24 raggi di rara bellezza, l’ex Monastero carmelitano sede del Museo delle civiltà preclassiche della Murgia Meridionale, mentre fuori dal paese meritano attenzione le antiche masserie. Tra le altre, Santa Caterina con l’alta torre ottagonale alla masseria fortificata, Lo Spagnulo e masseria Cappuccini con i suoi trulli. 

2. LA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

La Riserva naturale di Torre Guaceto è un`area protetta che si trova nel territorio di Carovigno, sul litorale Adriatico. Questo tratto di costa è lungo 6 chilometri e offre un paesaggio mediterraneo incontaminato, con il mare e le dune, la macchia mediterranea e le paludi, di particolare importanza, oltre che di bellezza. All`interno vi si trovano habitat e paesaggi come una riserva marina con fondali rocciosi e sabbiosi, una zona umida popolata da anfibi e uccelli, alte dune di sabbia e lunghe spiagge accessibili dove poter fare il bagno in un contesto unico. Diverse le attività organizzate per gli amanti dello snorkeling.

torre_guaceto_pdp_01.jpg

 

3.  SPECCHIA, TRA I BORGHI PIÙ BELLI D`ITALIA

Specchia è stato il primo dei borghi salentini a conquistarsi il titolo di borgo "tra i più belli d`Italia". Sorge su una modesta altura, a giustificare forse il suo nome: le "specchie", infatti, erano dei cumuli di pietre che i Messapi creavano come torrette d`avvistamento. Il centro del paesino è godibilissimo, con le auto bandite da tempo e la possibilità di camminare nel centro storico indugiando alla scoperta delle sue bellezze. Spiccano il palazzo Protonobilissimo Risolo, con tutta la sua imponenza, su piazza del Popolo, il palazzo Ripa, i frantoi ipogei, il convento dei Francescani Neri risalente tra il XV e il XVI secolo, e la chiesa di Santa Caterina.

4. IL CIOLO, UN PONTE SUL FIORDO SOSPESO SUL MARE 

Scenografica località nel territorio di Gagliano del Capo, sul litorale di levante del Salento, il Ciolo prende il nome dalle "ciole", nome dialettale dei corvi che popolano il piccolo canyon volteggiando sul blu intenso del mare. Scavato nel corso dei millenni dalle acque meteoritiche, il Ciolo è attraversato da un ponte che sovrasta la piccolissima spiaggia dove il mare è quasi sempre calmo e dove, in estate, si possono ammirare le piroette e le acrobazie dei tuffatori che scelgono le alte scogliere per le loro imprese. Diverse anche le grotteche si aprono lungo le bellissime e altissime pareti calcaree di questo tratto di costa, che rientra nel territorio del Parco Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

il_ponte_del_ciolo.jpg

 

5. IL CENTRO STORICO DI TARANTO, IL PONTE GIRAVOLE E IL MARTA

Taranto ha tutto il fascino delle città di mare, quelle dalla lunga storia antica che affonda le proprie radici nei millenni, finendo nell`antica e greca Tàras. Vale la pena dedicare una giornata alla scoperta di Taranto, con il suo centro storico dalle altissime potenzialità, la cattedrale di San Cataldo, il famoso ponte girevole, il castello aragonese che è un capolavoro dell`architettura militare italiana del Rinascimento. Imperdibile anche il Museo Nazionale Archeologico di Taranto Marta che racchiude una delle più importanti raccolte archeologiche d’Italia e ha sede nell’ex Convento di San Pasquale di Babylon. Le sale dei piani rialzati sono il regno dell’archeologia, con oltre duecentomila reperti e manufatti che vanno dalla Preistoria al Medioevo.

6. OTRANTO: IL MOSAICO DI PANTALEONE, LE CAVE DI BAUXITE E IL FARO DELLA PALASCIA

Otranto ha il centro storico tra i più belli d`Italia abbarbicato su una piccola altura che dal mare risale verso il castello, con tanti piccoli vicoli bianchi che si srotolano come un incantevole labirinto ai passi del visitatore. La cattedrale conserva il colossale mosaico del monaco Pantaleone realizzato sul pavimento e rappresenta l`albero della vita, e la cappella con le teche a vista dei crani dei Martiri di Otranto, 813 idruntini decapitati dai turchi il 14 agosto 1480. Fuori dal centro merita una visita la cava di bauxite, un piccolo lago di acqua piovana sul fondo delle pareti rosse, meglio se poco prima del tramonto. Da non perdere il Capo d`Otranto dove la Puglia è più vicina alle coste dell`Albania, vero punto d`incontro tra Adriatico e Ionio. Qui, seguendo un tratturo in discesa, si arriva al faro della Palascìa, da poco ristrutturato e destinato a diventare Museo del Mare.

otranto_tra_i_borghi_pi_belli_ditalia.jpg

 

7. LECCE, PIAZZA DUOMO

La Firenza del sud. Così si suol definire Lecce, il capoluogo di provincia più a sud del Salento. Un trionfo di bellezza, di pietra chiara, scolpita con cura dagli scalpellini che nei secoli ne hanno plasmato il volto e la bellezza. Il centro storico, un dedalo di viuzze e di strade lastricate con i basoli, si offre in tutta la sua accoglienza, lasciando incantati i suoi visitatori. Nel cuore del centro storico, là dove non te lo aspetti, oltre un piccolo varco tra i palazzi, le case e i bar, si apre e si mostra in tutta la sua bellezza Piazza Duomo. Trionfo del Barocco leccese, con la facciata laterale del Duomo, il vescovado e il saminario che si affacciano tutte qui, vegliate dall`imponente campanile alto ben 72 metri. Pochi minuti a piedi e si scoprono altri due imperdibili gioielli del prezioso forziere leccese: la chiesa di Santa Croce e la piazza di Sant`Oronzo dove è visibile una buona porzione dell`anfiteatro romano.

8. LEUCA, IL SANTUARIO, LA CASCATA, LE VILLE E LE GROTTE

Leuca si stende tra il lungo faro che svetta fiero su una piccola altura e il tricolore più imponente, a segnare il fatto che questo è l`estremo lembo di terra prima dell`immensità del Mediterraneo. Leuca, anche nota come Finibusterrae, val bene una visita durate le vacanze in Puglia, nel Salento. Con il suo faro veglia il piazzale su cui si apre il santuario della Madonna de Finibus Terrae, sull`altura da cui parte anche la lunga scalinata che costeggia la cascata monumentale dell`Acquedotto pugliese. Oltre il porto, sul lungomare Cristoforo Colombo e sulla via adiacente, sorgono stupende, una accanto all`altra, tutte diverse tra loro per stili e colori, le bellissime ville di Leuca. Ancor più suggestive, realizzate totalmente dal mare e dal vento, vi sono le tantissime grotte che si aprono su entrambi i litorali di Leuca, ognuna con il suo nome, la sua storia e qualcuna anche con la sua leggenda.

9. IL PARCO DI PORTOSELVAGGIO 

Un tesoro verde in riva al blu dello Ionio. Il Parco di Portoselvaggio è ideale per lunghe passeggiate profumate di pini, timo, mirto e macchia mediterranea. Lungo i sentieri tracciati dall`ente gestore si incontrano aree sosta pic nic, prima di giungere nella baia dove si apre una piccola spiaggia di ciottoli. Qui ci si può riprendere dalla caminata facendo il bagno, in estate, nel mare rigenerante rinfrescato dalle acque sorgive e vegliato dalla bellissima Torre dell`Alto che svetta all`orizzonte.

porto_selvaggio_pdp_01.jpg

 

10. LA GROTTA DELLA POESIA 

Arrivare fino a Roca Vecchia per scoprire la sua storia e camminare sulle scogliere dove si aprono antiche grotte scavate dall`uomo e autentiche grotte opere della natura: sì, arrivare qui vale assolutamente la pena. Il blu del mare di Roca non ha eguali, le sue alte scogliere sono un luogo suggestivo su cui passeggiare in bassa stagione e da cui effettuare tuffi emozionanti in estate. Ad un certo punto, come una sorpresa che non ti aspetti, si apre sulle rocce una grande piscina naturale: è la grotta della Poesia, un luogo che definire magico è poco. Si tratta di una grande cavità di origine carsica a forma circolare e invasa dal mare che vi si insinua attraverso un canale di poche decine di metri, percorribile anche a nuoto e che regala alla vista sfumature di colori davvero unici. 

Se i nostri 10 consigli di luoghi da visitare durante le tue prossime vacanze in Puglia e nel Salento sono stati convincenti, verifica tutte le nostre case e ville a disposizione nelle aree che ti abbiamo segnalato. Sono tante: scopri quella che più ti piace e prenotala subito, qui >>